Crisi 2.0 …

… Fonte: Ticinolive.ch – data: 8 agosto 2014

“Il quotidiano britannico The Telegraph scrive che la Federal Reserve ha messo in guardia diverse banche: la versione 2.0 della crisi del 2008 è in agguato, visti i rischi presi da taluni istituti finanziari. La nuova crisi finanziaria verrà scatenata dalle stesse banche.

La messa in guardia riguarda 11 grandi istituti finanziari che nel caso di un fallimento hanno comunicato piani di risoluzione della crisi assolutamente inefficaci. Si tratta di JP Morgan Chase, Goldman Sachs, Deutsche Bank, Bank of America, Bank of New York Mellon, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Morgan Stanley, State Street e UBS.

“Le banche non sono assolutamente pronte – scrive la Fed in un comunicato – Quanto hanno elaborato in caso di default porterà inevitabilmente a una nuova crisi finanziaria mondiale. I loro piani propongono unicamente soluzioni assurde o un supporto diretto o indiretto dei soldi pubblici.”

Ricapitolando: nonostante si paghino ancora adesso le follie finanziarie sfociate nella crisi del 2008, i principali autori del disastro sono sempre lì a sollazzarsi con prodotti di dubbia solidità. Non contenti di ciò, indicano come valida soluzione per i problemi da loro creati sempre e comunque i soldi pubblici!

Mi raccomando, continuiamo a credere che la crisi sia il risultato del debito pubblico, così ci faremo buggerare (l’ombrello di Altan rende meglio l’idea … ) per la seconda volta e allo stesso modo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...