Tutta colpa del debito pubblico …

… Fonte: Il Tempo del 30 luglio 2014 – Alberto Bagnai

“L’allarme di Confcommercio sulla pressione fiscale merita un commento. Certo, in Italia la pressione fiscale è elevata, e lo è anche perché ci sono molti evasori, che commettono reato e vanno perseguiti. Detta questa cosa, sacrosanta ma ovvia, evitiamo due errori ideologici. Il primo consiste nel credere che la nostra sia una crisi di debito pubblico, causata dagli evasori, che non pagando le tasse avrebbero fatto lievitare il debito. Le cose non stanno così: i dati mostrano che prima della crisi il debito italiano diminuiva costantemente (-10 punti di Pil dal 1999 al 2007), eppure l’evasione c’era! Il vicepresidente della Bce ha ricordato nel maggio scorso che la crisi è stata causata dall’imprudenza delle banche private, che ora devono essere salvate coi soldi dei contribuenti. La crociata contro il barista che non fa lo scontrino è una delle tante armi di distrazione di massa che i governi stanno usando per nascondere le cause della crisi (un’altra è la “riforma” del Senato). Il secondo errore consiste nell’affermare che i problemi si risolverebbero tagliando la spesa per tagliare le tasse. Intanto, la spesa pubblica italiana in proporzione al Pil storicamente è in media con quella europea: gli sprechi vanno combattuti, ma non c’è alcuna evidenza seria di spesa “eccessiva”. Poi, la spesa pubblica si rivolge comunque all’acquisto di beni privati, quindi è reddito privato. Qualsiasi manuale di economia spiega che in recessione i tagli, pur se accompagnati da diminuzioni di tasse, sono nefasti, perché riducono il denaro in circolazione. Insomma, chiedendo di tagliare la spesa pubblica, il dott. Sangalli chiede anche di ridurre gli incassi dei commercianti. Gli auguriamo di fare sul tema una riflessione più approfondita, prima che la facciano i suoi associati.”

La crisi del 2008 è stata provocata dal fallimento di uno Stato sovrano o da quello della banca (privata) Lehman Broothers? Domanda facile, tranne per chi ritiene che sia solo ed unicamente colpa del debito pubblico.

Annunci

2 thoughts on “Tutta colpa del debito pubblico …

    • … sì, e le probabilità di essere posti sotto tutela della Troika sono elevate, vista e considerata l’inconsistenza dell’attuale governo.
      Hai notato come sia Draghi sia gli altri membri della Troika sollecitino sempre l’Italia a procedere con le riforme senza, peraltro, entrare mai nel dettaglio? Quali sono queste essenziali riforme? Forse non osano ancora (ma il momento si avvicina …) dichiarare che l’Italia DEVE privatizzare i servizi pubblici (acqua) la scuola, la sanità, tagliare gli stipendi del 20% (come in Grecia) …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...