Mala informazione …

… quello che le anime belle, presenti nella varie redazioni dei TG e dei quotidiani, hanno (volutamente?) omesso di raccontare, presi com’erano dal lanciare la notizia che Di Battista “capisce” i terroristi, non costituisce semplice corollario. Anzi.

L’intero post, scritto dal deputato M5S, consta di 2856 parole. Di queste sono state scelte (con cura?) e decontestualizzate solo quelle in grado di provocare una forte reazione emotiva. Leggere parole come “Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana” non può lasciare indifferenti. La reazione negativa è automatica.

Per chi non accetti la pappa preconfezionata e voglia farsi un’idea in modo autonomo, la lettura dell’intero post riserva parecchie sorprese, tra cui:

“4) L’Italia dovrebbe trattare il terrorismo come il cancro. Il cancro si combatte eliminandone le cause non occupandosi esclusivamente degli effetti. Altrimenti se da un lato riduci la mortalità relativa da un altro la crescita del numero di malati fa aumentare ogni anno i decessi. E’ logico! Vanno affrontate le cause. Si condanna in Nigeria Boko Haram ma si tace di fronte ai fenomeni di corruzione promossi da ENI che impoveriscono i nigeriani dando benzina alle lotte violente dei fondamentalisti.”

o come questa …

6) Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione. Questo è un punto complesso ma decisivo. Nell’era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. E’ triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire. Per la sua natura di soggetto che risponde ad un’azione violenta subita il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore. Compito difficile ma necessario, altrimenti non si farà altro che far crescere il fenomeno.”

Per concludere, ricordo una massima di Sun Tzu:

“Se conosci il nemico e conosci te stesso, nemmeno in cento battaglie ti troverai in pericolo. Se non conosci il nemico ma conosci te stesso, le tue possibilità di vittoria sono pari a quelle di sconfitta. Se non conosci né il nemico né te stesso, ogni battaglia significherà per te sconfitta certa.”

Conoscere o capire il nemico non significa stare dalla sua parte … qualcuno lo spieghi a quelle anime belle delle redazioni.

Annunci

2 thoughts on “Mala informazione …

  1. Bravo. Non condivido il M5S né Camoscio Bianco dal punto di vista politico, ma concordo con la critica al sensazionalismo di giornali e giornalisti in certi casi. Per questioni non politiche, sono stato linciato sui media la prima volta tanti anni fa e la seconda recentissimamente. Ci sono “giornalisti” che puntano a inserire concetti critici senza ragione verso qualcuno al solo scopo di creare interesse nel lettore/ascoltatore utilizzando in modo forzatamente distorto ciò che andava altrimenti riportato.
    Il tuo post, Camoscio Bianco, non modifica il mio giudizio negativo sul M5S, ma incrementa la mia critica verso il possibile sensazionalismo deteriore dei media, nella fattispecie contro un grillino che doveva in modo ben più urlato precisare quella sua posizione, comunque diversa da quella che i media volevano far passare, che io ho appreso solo qui.

    • … la libertà e l’autonomia della stampa, così decantata dagli stessi giornalisti, in realtà è ben lungi dall’essere una realtà. Anche qui da noi, in mezzo ai 4000, abbiamo numerosi esempi di siffatta libertà di stampa …
      E’ da tempo, oramai, che ho preso l’abitudine di cercare la fonte primaria della notizia, senza più lasciarmi fuorviare dalle cattive abitudini di certi giornalisti. Purtroppo non lo faccio in modo sistematico, ma solo a campione … e quasi sempre noto discrepanze tra la versione “originale” e quella “addomesticata” dal giornalista di turno.

      Hai notato come non vi siano più notizie circa le scatole nere dell’aereo abbattuto nei cieli ucraini??? Non è che, per caso, la notizia che non si può dare concerne l’abbattimento da parte di un aereo militare ucraino??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...