Un democristiano “DOC” sul più alto Colle …

… oggi è stato eletto, nella veste di Presidente della Repubblica, un democristiano “doc” e questo grazie ai voti compatti del Partito Democristiano (che alcuni temerari si ostinano ancora a chiamare Partito Democratico …) sotto la guida di un giovane democristiano … Renzi.

La balena bianca è di ritorno ed è in ottima forma.

Non altrettanto si può dire del partito, che tempo addietro fu il suo diretto avversario politico.

Il grande successo dell’Euro …

… 26 settembre 2011, “L’infedele”.

Mario Monti, intervistato dal giornalista Gad Lerner, dichiara: “Oggi stiamo assistendo al grande successo dell’euro e la manifestazione più concreta di questo successo è la Grecia, costretta a dare peso alla cultura della stabilità con cui sta trasformando se stessa.”

Oggi, 27 gennaio 2015, i dati economici (e non solo) dicono che per la Grecia l’Euro è stato peggio delle sette piaghe bibliche. Ecco i numeri … e parlano da soli

Numeri del successo greco

Elezioni in Grecia …

… oggi la Grecia deve decidere tra due opzioni: rimanere nell’€uro, ossia accettare supinamente i diktat della TroiKa senza mai contestarne la validità, oppure rinegoziare (orrore!) i tratti con l’Unione europea per mettere un termine alla politica di austerità espansiva.

I greci devono scegliere tra la certezza di morire in povertà e\o di fame, per soddisfare i parametri stilati da idioti tecnocrati, oppure riprendere in mano il loro destino e la loro sovranità con potenziali rischi a livello economico.

Meglio morire di fame adesso perché lo chiede l’Europa (analisi stilata dalla Caritas: l’austerità ha portato in Grecia miseria, disoccupazione e mortalità infantile) oppure uscire dall’Euro e, forse, morire di fame??

E noi tagliamo i capitoli di spesa …

Fonte: http://www.siulp.it/razionalizzazione-delle-risorse-e-dei-presidi-delle-specialita-della-polizia-di-stato-esito-incontro.html

13 gennaio 2015

“SIULP contro tagli

Nella mattinata odierna si è tenuto un serrato confronto tra le OO.SS. maggiormente rappresentative e una delegazione del Dipartimento di Pubblica Sicurezza guidata dal V. Capo Vicario della Polizia di Stato Prefetto Alessandro Marangoni, oggetto dell’incontro il progetto di rimodulazione dei presidi delle Specialità della Polizia di Stato, il cui obiettivo è teso a migliorare l’efficientamento e razionalizzare delle risorse disponibili.

I sindacati Siulp, Siap, Silp-Cgil, Ugl Polizia, Coisp, Consap e Uil Polizia non entrando nel merito della rimodulazione, sono stati fortemente critici rispetto all’impostazione con cui il Viminale intende discutere di una materia che incide fortemente sulla vita dei poliziotti e sulla sicurezza dei cittadini, considerato che, per migliorare i livelli di efficienza non si può discutere solo di riorganizzazione degli uffici, ma è necessario al contempo discutere di riforma dell’ordinamento del personale e riordino delle carriere.”

Ecco come il nostro (ir)responsabile Governo pensa di gestire i problemi di sicurezza in Italia: tagliando risorse economiche, in nome di un “migliore efficientamento e razionalizzazione delle risorse” e di una “rimodulazione dei presidi”.

Traduzione: meno poliziotti, meno commissariati … ergo, meno controllo del territorio.

Altro che il dispiegamento di veicoli e di uomini avvenuto la settimana scorsa a Parigi.

Morire per una vignetta …

… dalle 11.30 di questa mattina abbiamo capito che è altamente pericoloso prendere in giro, raffigurare e\o scherzare con il Profeta. Peggio ancora, guai a dissacrare con disegni satirici la religione mussulmana o Allah. Nessun di questi comportamenti sarà lasciato impunito dal lato oscuro del fanatismo religioso più intransigente.

Da questa mattina abbiamo capito che la libertà “tout court” non è contemplata dal dizionario in uso presso i fanatici che adorano la religione mussulmana. Il loro concetto di libertà è uguale a quello che, secoli addietro, era in uso presso i vari tribunali della santa inquisizione. Uguale a zero.

Questa mattina, a Parigi, sono morte 12 persone perché alcune vignette satiriche hanno scatenato l’ira di fanatici religiosi.