C’è poco da festeggiare …

… L’allegra comitiva UE, che commemora oggi se stessa, parla di principi etici e decanta i risultati positivi (!) ottenuti in questi 60 anni (la possibilità di produrre formaggio con latte in polvere, ad esempio …).

Risultati che SOLO ed UNICAMENTE loro vedono, accecati come sono dal loro egoismo e dalla loro infinita ambizione.

Questa UE NON è per i popoli europei (provate a chiedere ad un greco se è contento della UE), ma è funzionale SOLO al benessere del capitalismo finanziario. Per la UE viene PRIMA il dio denaro, poi … ma molto “poi” segue il bene dei cittadini.

Quindi, oggi c’è poco da festeggiare …

P.S.: il detto “chi si loda s’imbroda” calza a pennello per i festeggiamenti odierni.

Annunci

Mercanti di immigrati …

… Fonte: analisidifesa.it (l’articolo lo trovate qui)

“L’unica opzione attuabile per Italia e Ue è riportare in Libia i migranti appena raccolti in mare ma invece di attuarla e di impedire alle navi delle ong di sbarcare i clandestini in Italia il governo Gentiloni la ignora”.
“Anzi, tra domenica e lunedì ben 5.100 clandestini hanno raggiunto l’Italia per un incasso netto dei trafficanti di 15/20 milioni di euro.”

Capito?

I mercanti di immigrati, senza più rischiare alcunché,visto che al trasporto di questi disperati ci pensano le navi delle ONG, guadagnano somme importanti.

Non penserete mica che questi lascino perdere un mercato così lucroso. Quale altra attività permette di guadagnare in 2 giorni 20 milioni di Euro?????

Non crederete mica che questi qui molleranno l’osso così facilmente, come alcune anime pie italiane credono ancora?

Fare accordi con questi pendagli da forca è un insulto alla decenza.

Senza un intervento deciso e “muscolare”, senza andare a colpire duro i loro guadagni e le loro vite, questi mercanti di immigrati continueranno la loro attività, prendendoci pure per il Kulo come fanno adesso …

La fine della sinistra …

…Fonte: @AlbertoBagnai

“Rivendicando l’euro la sinistra italiana si è suicidata politicamente, perché l’euro è il coronamento di due progetti non esattamente di sinistra: il progetto imperialista della Germania e il progetto di “disciplina” dei sindacati mediante il vincolo esterno, caro alle classi dominanti dei paesi periferici”.

Indifferente al mondo reale, la sinistra italiana prosegue il suo percorso verso la scomparsa …

In Olanda il populismo non è passato …

… da giovedì mattina, a reti unificate, i nostri prodi ripetitori del pensiero unico ci stanno spiegando che, dalle urne olandesi, è uscito bastonato il populismo.

Wow!!

… ma è proprio così?

Su questo ottimo blog (http://prospettivearancioni.blogspot.it/) l’analisi che viene fatta diverge e non poco da quello che viene venduto come “LA Vera Verità”.

“Da tutto questo il paese esce, checché ne dicano i nostri giornalisti e politicanti amanti dell’Europa unita, della tolleranza (?) e del progresso (?), decisamente spostato a destra. Impossibile negare l’evidenza: pur non avendo conquistato i consensi che la propaganda mediatica gli ha attribuito in tutti sondaggi fino a pochi giorni fa, convincendo i timorosi ad esprimersi contro di lui, Geert Wilders ha influenzato l’agenda politica di tutte le forze politiche e costretto il suo principale antagonista ad affrontare temi che avrebbe volentieri lasciato nel cassetto.

In questo quadro simpaticamente variopinto il vero problema, adesso, sarà formare un governo…”