Gli stessi …

… gli stessi personaggi, che ora proclamano il Sì elevato alla potenza “enne”, hanno in questi ultimi 5 anni:

  1. alzato l’età pensionabile (legge Frignero);
  2. firmato il “fiscal compact”, perché “ce lo chiede l’europa” ;
  3. eliminato l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, perché licenziando più facilmente si creano più posti di lavoro (sic!);
  4. inserito in Costituzione (anno 2012 – governo Monti, quello del loden. No, non il loden del vice questore Schiavone!);
  5. alzato le tasse sui beni immobili (IMU, TARES, TARI, secondo voi cosa sono?);
  6. applicato con maniacale volontà la deflazione salariale;
  7. ucciso la domanda interna (Monti se ne vantava, ma solo all’estero. Non in Italia) per diminuire il debito pubblico (sfiga, ma il debito non è mai diminuito);
  8. introdotto il “bail-in”, in modo da tosare per bene i correntisti salvando, nel contempo, i loro amichetti banchieri.

 

Ecco, dopo questa lista non esaustiva, voi volete proprio votare sì, dando così piena contentezza a queste patetiche controfigure di politici?

Lo volete veramente?

Annunci

Sì o No …

… se per te non votare più per il senato significa comunque democrazia, vota sì;

… se per te è normale che sia Bruxelles a decidere quello che va bene per l’Italia e non i cittadini italiani, vota sì;

… se a te non frega una beneamata minchia che la sovranità NON appartenga più al popolo, vota sì

 

Vota sì se vuoi una vita da schiavo “perché ce lo chiede l’europa”.

Le parole di Davigo …

… “La classe dirigente (digerente?) di questo Paese quando delinque (quasi sempre o sempre?) fa un numero di vittime incomparabilmente più elevato ( a sua insaputa?) di qualunque delinquente da strada e fa danni più gravi (manco le locuste sono così voraci)”.

Beninteso dopo simili parole l’intero mondo politico (tranne poche eccezioni) ha reagito in modo virulento.

Sia mai che i cittadini possano anche lontanamente ipotizzare che i politici siano dediti a tutto, fuorché al bene comune … guai a pensarlo!

Votare è una perdita di tempo …??

… votare vi pesa sempre di più?

… considerate che sia del tutto inutile, tanto “sono tutti marci, uno più dell’altro”?

… avete altro da fare che perdere tempo a votare?

… allora siete pronti per una bella dittatura … ehm, volevo dire un regime diversamente democratico, in cui uno ed uno solo deciderà per tutti gli altri.

Legittima difesa – II …

… una notizia passata sotto traccia all’epoca (2 aprile 2015), dai nostri cari ripetitori del pensiero unico. Una notizia che andrebbe ripetuta in questi giorni, in cui i quotidiani e le televisioni sgomitano sull’argomento “legittima difesa”.

Il 2 aprile 2015, è entrata in vigore una riforma che “Scalfisce un moloch, quello dell’obbligatorietà dell’azione penale per i reati minori, che negli anni ha fatto più danni che vantaggi alla celerità del sistema giustizia in Italia” (l’articolo de La Stampa è questo).

Tra i tanti reati “minori” vi è la violazione di domicilio … per chi non lo sapesse, la violazione di domicilio la commette il ladro che entra in casa. Bene, anzi male, dal 2 aprile 2015 il ladro può entrare in casa vostra senza incorrere automaticamente nella sanzione correlata al reato commesso. Per assurdo, potrebbe anche non essere condannato se non ruba niente …

Ecco come il governo dell’abusivo di Palazzo Chigi difende le proprietà dei cittadini italiani.

Finalmente il marziano è andato via …

… dopo due lunghi anni di sofferenza, il marziano di Roma se n’è andato … per la gioia dei romani e della curia romana. Guai a dimenticarla quest’ultima!

Non se ne poteva più, davvero.

Ma ora, dopo la sua partenza, sono certo che a Roma si vedranno eventi miracolosi: niente più auto parcheggiate in doppia o tripla fila; niente più giardini ridotti a immondezzai; via le famigerate buche dalle strade capitoline.

Scompariranno i funamboli dei tornelli della metro, mentre la famosa “linea C” sarà inaugurata in pompa magna. I bus dell’ATAC riscopriranno le vie dell’Urbe, con una puntualità elvetica.

L’endemico problema della “monnezza” diventerà un semplice ricordo, sostituito da un riciclo degno da paese nordico e la “gggente” di Roma imparerà a fare la coda, in modo civile e composto.

Sì, era proprio tutta colpa del marziano di Roma, che non aveva capito le reali necessità di una città così complessa … e quanto mai affascinata dalla zona grigia tra legalità e illegalità.