Obama il bombarolo …

(…) Sette anni dopo che gli è stato conferito il Premio Nobel per la Pace per i suoi “straordinari sforzi per rafforzare la diplomazia internazionale e la cooperazione tra i popoli” nonostante fosse in carica da meno di un anno e non avesse ancora raggiunto alcun risultato diplomatico tangibile, il presidente Obama si accinge a lasciare la Casa Bianca dopo aver sganciato, nel solo 2016, ben 26.171 bombe su paesi stranieri in giro per il mondo (3.027 bombe in più rispetto al 2015). (…)

2 6 1 7 1

… 26.171  bombe significa una media di 71 al giorno, domeniche comprese.

Ma l’uomo cattivo è Trump …

 

Trovate qui l’articolo originale in inglese.

Annunci

C’è bisogno di una guerra …

… Fonte: http://goofynomics.blogspot.it/2016/10/va-tutto-bene.html

 

Altiero Spinelli (1953):

Per consolidarsi, l’Europa avrà bisogno di una guerra contro l’Unione Sovietica, da saper fare al momento buono

[in A. Spinelli, Diario Europeo (1948-1969), il Mulino, 1989, p.175]

 

Lettonia, Ucraina, Siria non vi dicono niente??? Sempre convintissimi che il “cattivo” sia Putin e che noi, occidentali, stiamo sempre dalla parte della ragione?

C’è proprio bisogno di una guerra per consolidare una unione europea a dir poco fallimentare?

“O Allah, dona la vittoria” …

… “O Allah, dona la vittoria, l’onore e la forza ai nostri fratelli, ai jihadisti che combattono in Siria, Yemen, Iraq e in tutto il mondo. Falli trionfare sui traditori ebrei, sui malvagi cristiani e su tutti gli infedeli”.

Chi ha pronunciato queste parole piene “d’ammmmmmmore e tolleranza”?????

Un fanatico dell’ISIS? No.

Un aspirante suicida terrorista? No.

Queste parole sono state pronunciate il 16 settembre 2016 da Abdurrahman ibn Abdulaziz as-Sudais, imam della grande moschea della Mecca.

Ricordo che l’Italia (come tanti altri Stati occidentali) intrattiene ottimi rapporti commerciali con l’Arabia Saudita e, per non toglierci nulla, gli forniamo pure armi.

 

L’intero articolo lo trovate qui

Un’altra “sparata” di Trump …

… Fonte: ilsole24ore.com (l’articolo è questo)

“l’ultima sparata di Trump: Obama è il fondatore dell’Isis”.

… hum … sicuri che Trump l’abbia sparata grossa? Sicuri sicuri???

Io no.

Basta leggere questa dichiarazione, resa da il generale francese Vincent Desportes durante la sua audizione, da parte di una commissione del senato francese, il 17 dicembre 2014 (: http://www.senat.fr/compte-rendu-commissions/20141215/etr.html):

“Quel est le docteur Frankenstein qui a créé ce monstre ? Affirmons-le clairement, parce que cela a des conséquences : ce sont les Etats-Unis. Par intérêt politique à court terme, d’autres acteurs – dont certains s’affichent en amis de l’Occident – d’autres acteurs donc, par complaisance ou par volonté délibérée, ont contribué à cette construction et à son renforcement. Mais les premiers responsables sont les Etats-Unis.”

Allora … anche il generale francese l’ha sparata grossa, oppure ha descritto la pura e semplice verità, ossia che l’Isis (daech per i francesi) è la creatura voluta e addestrata dagli Stati Uniti?

Chi vuole la guerra alle porte dell’Unione europea?

… i giorni passano, ma la situazione in Ucraina non lascia adito a pensieri intrisi di ottimismo o di speranza. Tra sanzioni economiche dell’Unione europea e contro sanzioni russe; tra presunte (?) invasioni russe e minacciose promesse di truppe NATO nei luoghi dei combattimenti, rimango perplesso per come il buon senso paia essere scomparso. Soprattutto tra i dirigenti dell’Unione europea.

Ma vogliamo scatenare una guerra proprio dietro l’angolo di casa nostra? Ci teniamo così tanto a ricreare una situazione stile estate 1914, in cui nessuno voleva la guerra (quella che sarebbe diventata la Prima guerra mondiale) ma tutti rispettarono il distruttivo meccanismo delle alleanze?

Chi di noi è disposto a morire per l’Ucraina?